“L’istruzione non è la preparazione alla vita, l’istruzione è la vita stessa”

John Dewey
Democrazia e educazione

Il progetto desidera avvicinarsi il più possibile alla realizzazione di una educazione democratica, libertaria, non autoritaria; dove la relazione tra adulti di riferimento e ragazzi sia basata sulla reciproca fiducia; dove l’adulto abbia responsabilità differenti rispetto ai ragazzi, che non ne saranno però privi; dove l’apprendimento sgorghi da un confronto tra esigenze e saperi; dove la voce dei ragazzi sia differente, non superiore né inferiore a quella degli adulti; dove il ragazzo non cerchi di rispondere alle richieste dell’adulto per compiacimento o sottomissione, ma per il desiderio di imparare, costruire, stare insieme. Dove gli insegnanti guadagnino autorevolezza non per il ruolo ricoperto, ma per le competenze relazionali e didattiche dimostrate. 

Nel pratico, i principi pedagogici ispiratori sono concretamente declinati con:

  • assenza di un testo unico di riferimento: non si utilizza un libro di testo ma più fonti (cartacee e digitali) sulle quali ricercare e studiare

  • il ruolo del docente è quello di un maestro e non di un elargitore di informazioni

  • il gruppo discute sull’andamento della giornata e su eventi particolari occorsi

  • gli obiettivi dell’anno sono scoperti mano mano che il gruppo di lavoro si conosce e si sviluppa

  • l’apprendimento è il meno possibile quantitativo

  • è assente il sistema dei voti

  • la cooperazione è esercitata come metodo di lavoro

Come gruppo di genitori ci misuriamo con questo progetto dunque non solo pensando al modo migliore di imparare, ma a quello migliore di crescere e di vivere.

La nostra scuola ha la definizione di “parentale”. Si tratta di una scuola privata non parificata.

L’assenza di parificazione, pur escludendoci dalle risorse economiche stanziate dal Governo, lascia libertà rispetto ai numerosi vincoli pratici imposti.

L’organizzazione parentale si coniuga per noi con alta qualità; si desidera offrire ai ragazzi, oltre all’ambiente ed alla metodologia curata, anche i contenuti sufficienti a soddisfare la voglia di sperimentare, di sapere, di esplorare.

Per saperne di più